IISMAS / Projects / Africa / Etiopia / L'avvio del progetto di May Duba

L'avvio del progetto di May Duba

Firmato un accordo con la NGO etiopica Tigray Youth Association (TYA).

L'avvio del progetto di May Duba

2006

26

July

Il 27 luglio 2006 l'IISMAS ha firmato un accordo con una NGO etiopica denominata Tigray Youth Association (TYA). In base a suddetto accordo, fra le altre cose, noi ci siamo impegnati a finanziare lo studio geologico, lo scavo e la manutenzione di un pozzo nella zona di Mekele denominata Mayduba, su un terreno che la TYA ha ottenuto dalla municipalità. L'acqua che sorgerà sarà utilizzata dalla TYA per le proprie attività e da noi stessi, per irrigare un appezzamento di circa 5000 mq di terreno che ci è stato assegnato nella stessa area. Utilizzeremo questo spazio per coltivare un orto e allevare alcuni animali così da garantire ai pazienti dell' Italian Dermatological Center verdura, latte e uova fresche e abbondanti… a buon mercato.

Abbiamo potuto firmare questo accordo grazie all'impegno di tutti noi e del personale locale, ma soprattutto grazie al finanziamento della spesa relativa al pozzo da parte delle amiche ed amici de “La ruota internazionale” di Roma e della Associazione “Camminare Insieme” di Torino.

L'accordo con la TYA prevede e auspica ulteriore collaborazione fra le due Associazioni a vantaggio delle nuove generazioni locali soprattutto in campo educativo e occupazionale.

La prima di queste iniziative comuni prevede il reperimento da parte nostra di “cose” nuove o usate, che, non più appetite in Italia, siano ancora utilizzabili in Etiopia. Chiaramente non intendiamo trasformare Mekele nella nostra pattumiera; le “cose”, le più varie, dovranno essere in buono stato e, nel caso si tratti di abiti o calzature, devono essere pulite, stirate o piegate. Le altre “cose” possono essere personal computer di vecchia generazione, monitor, tastiere, mouse da utilizzare nelle scuole e negli uffici di giovani imprenditori e strumenti come trapani, avvitatori, cacciaviti, chiavi e pinze da utilizzare nelle officine gestite da associati alla TYA o in officine che possono nascere apposta grazie agli strumenti che reperiremo. Non mettiamo limiti alla Provvidenza né alla nostra fantasia e chiediamo ad amici e parenti di regalare biciclette e – perché no? – motorini o automobili. Dirigenti o afferenti ad Associazioni sportive potrebbero regalare attrezzature ed oggetti come “giochi di maglie” da calcio, reti da volley, palloni e altre attrezzature.


CWM